Home » News » Maurizio Baglini su Rai5 domani con i "Quadri" di Mussorgsky

Maurizio Baglini su Rai5 domani con i "Quadri" di Mussorgsky

Maurizio Baglini su Rai5 domani con i "Quadri" di Mussorgsky - Maurizio Baglini

Maurizio Baglini domani sera su Rai5. Al pianista pisano è infatti dedicata la puntata del programma "Inventare il tempo"...

Maurizio Baglini domani sera su Rai5. Al pianista pisano è infatti dedicata la puntata del programma "Inventare il tempo", scritto e condotto da Sandro Cappelletto, per la regia di Angelo Bozzolini, in onda domenica 28 giugno alle h. 22.10 (canale 23). Al centro della puntata, i Quadri di un'esposizione di Mussorgsky, già registrati da Baglini nel doppio cd Decca che contiene l'integrale pianistica del compositore russo.

Nella trasmissione di Rai5 l'esecuzione del brano si alterna a un serrato dialogo tra il maestro Baglini e Sandro Cappelletto, nel racconto dell'origine, della specificità, dell'immensa forza innovativa del capolavoro di Mussorgsky.
 
Ecco le recensioni al disco:

"Il suono del pianoforte è costantemente bello; emozione e lirismo sono sempre presenti. [...] E' elegante dove gli altri sono energici, dolce dove gli altri sono amari, leggero dove gli altri sono pesanti. Ci sono molte pause e note mai sentite prima. Nessun altro lo suona così!". Donald Vroon, American Record Guide, Marzo 2015 

 

"L'interpretazione è di  quelle che lascia l'ascoltatore senza parole [...]. E' evidente l'intenzione di proiettare con violenza i Quadri nella modernità". Luca Segalla, Musica, Marzo 2015 (voto ☆☆☆☆☆)

 

 

 "Musica di grande fascino e robusta scrittura strumentale, che Baglini riesce a rendere alla perfezione in tutte le sue infinite sfumature dinamiche e di espressione. Consigliatissimo". Carlo Boccadoro, Internazionale, 10 Marzo 2015 

 

"Sono tanti gli spunti originali fatti emergere in virtù di un virtuosismo pianistico che non ha bisogno di dimostrare nulla e quindi è interamente votato alla resa netta dell'ostica e inquieta scrittura d'autore, accettando scomodità e ruvidezze come corsie privilegiate di interpretazione". Angelo Foletto, Suonare News, Febbraio 2015

 

 

"Baglini, che interpreta la 'passeggiata' con magistrale metamorfosi di forme e colori, introducendo così lo specifico espressivo dei vari quadri, non solo si giostra con grande agio fra le contraddizioni, ma recupera anche un superiore senso architettonico di grande nitore e rigore". Nicoletta Sguben, Amadeus, Febbraio 2015 (Artistico ☆☆☆☆☆; Tecnico ☆☆☆☆☆)

 

 

 "[…] questo doppio cd è a dir poco irrinunciabile". Andrea Bedetti, Audiophile Sound, Febbraio 2015 (Giudizio artistico: ottimo-eccezionale)

 

 

 "Mussorgsky racconta se stesso, in questo generoso doppio cd che Maurizio Baglini confeziona con appassionata perizia". Elide Bergamaschi, Il Cittadino, 11 Febbraio 2015

 

 

 "Impresa degna delle indubbie qualità di questo pianista fervido e brillante". Claudio Strinati, Il Venerdì di Repubblica, 19 Dicembre 2014 

 

 "Uno degli eventi più significativi non solo di quest'anno ma anche del prossimo [...] novità e intelligenza della proposta [...] una lettura a dir poco monumentale per scolpitura di suono e condotta ritmica [...] L’incisione si rivela un vero e proprio scrigno delle meraviglie [...] Baglini mantiene alta la tensione poetica e virtuosistica". Fabrizio Carpine, CDClassico, 7 Dicembre 2014 (voto ☆☆☆☆☆)

 

 

"Le agilissime mani virtuosistiche di Maurizio Baglini [...] ". Giovanni Gavazzeni, Il Giornale, 4 Dicembre 2014 

 

 "Attenta lettura pianistica [...] brani di rara esecuzione". Gaetano Santangelo, Amadeus, Dicembre 2014

 

 

L'altra sera Baglini ha inaugurato in duo con Silvia Chiesa l'undicesima edizione di Amiata Piano Festival, la rassegna di cui è fondatore e direttore artistico. La serata d'esordio ha visto protagonisti anche Carlo Guaitoli e Attilio Zanchi. Il 27 e il 28 il pianista partecipa ai concerti di Bethany Wiese, Karol Gajda e del Quartetto del Teatro alla Scala Info. www.amiatapianofestival.com
 
Il pianista sarà poi ospite del Festival dei Due Mondi di Spoleto, dove si esibirà il 5 e il 7 luglio in récital solistico, l'8 e il 9 in duo con la violoncellista Silvia Chiesa. Il 16 sarà di nuovo in Francia, come solista al Festival di Vigan, il 18 al Castello di San Giusto di Trieste dove eseguirà il Concerto per pianoforte di Schumann con l'International Master Class Orchestra diretta da Carlo Grandi (replica il 20). Il 19 tappa a Ferrara per un récital a Palazzo Costabili, il 27 a Poggi del Sasso (Grosseto) per una lezione-concerto alla Summer School Scuola Permanente dell'Abitare, il 30 e 31 luglio ad Amiata Piano Festival per i concerti che coinvolgeranno anche l'Orchestra da Camera I Fiati di Parma diretta da Claudio Paradiso e il cornista Guido Corti.
 
Il 2 agosto, sempre ad Amiata Piano Festival, dividerà il palco con il pianista francese Francois Frédérique Guy, il 3 suonerà con Silvia Chiesa al Festival Orizzonti di Chiusi, il 6 ha in agenda un récital al Festival Clef de Soleil di Lille, in Francia, il 27 sarà di nuovo sul palco del Forum Fondazione Bertarelli per un concerto con Silvia Chiesa e l'Orchestra Camerata Ducale diretta da Guido Rimonda. Il 14 settembre al Festival Internazionale di Portoguraro (VE) suonerà il Concerto in fa di Gershwin con l'Orchestra Filarmonica del Teatro La Fenice diretta da Enrico Bronzi.