Home » News » AMIATA PIANO FESTIVAL: DEBUTTO DISCOGRAFICO TARGATO “DECCA”

AMIATA PIANO FESTIVAL: DEBUTTO DISCOGRAFICO TARGATO “DECCA”

AMIATA PIANO FESTIVAL: DEBUTTO DISCOGRAFICO TARGATO “DECCA” - Maurizio Baglini

Esce il CD live Haydn Concertos: con Maurizio Baglini, Silvia Chiesa, Guido Rimonda, Camerata Ducale. Omaggio al mecenatismo illuminato della Fondazione Bertarelli.

Debutto discografico per l’Amiata Piano Festival. La prestigiosa etichetta Decca presenta Haydn Concertos: il primo CD della rassegna musicale fondata e diretta dal pianista Maurizio Baglini e sostenuta dalla Fondazione Bertarelli

L’album comprende tre celebri Concerti per solista e orchestra di Franz Joseph Haydn (1732-1809), affidati a interpreti di assoluta eccellenza: il pianista Maurizio Baglini, la violoncellista Silvia Chiesa, il violinista Guido Rimonda e la Camerata Ducale.  

Il CD Haydn Concertos è stato registrato dal vivo il 27 agosto 2015 al Forum Bertarelli di Poggi del Sasso (Cinigiano, GR): l’auditorium dall’acustica perfetta che ospita il ricco cartellone dell’Amiata Piano Festival (inaugurazione il 22 giugno 2017 www.amiatapianofestival.com). 

La scelta delle musiche dell’album è un omaggio al felice connubio tra arte e mecenatismo. Se alla fine del Settecento per Haydn fu vitale il supporto della nobile famiglia ungherese degli Esterhàzy, due secoli dopo l’Amiata Piano Festival ha potuto consolidarsi grazie al fondamentale sostegno della Fondazione Bertarelli, guidata da Maria Iris Bertarelli, Claudio Tipa e Maria Tipa. Ne è nata una sinergia formidabile, di cui beneficia in primis lo splendido territorio del Montecucco, oggi al centro di un vero e proprio rinascimento culturale. 

«Haydn è per antonomasia il compositore legato alla figura di un grande mecenate», è il commento di Maurizio Baglini. «Il principe Nicola I Giuseppe Esterházy di Galantha gli permise di vivere del proprio lavoro di compositore. Inoltre interagì in prima persona col musicista al fine di creare formazioni orchestrali indipendenti che potessero esprimersi in frangenti musicali del tutto nuovi per l'epoca. Fu un mecenatismo illuminato, affine al legame virtuoso tra artisti e committenti che si è venuto a creare in questi dieci anni tra l’Amiata Piano Festival e la Fondazione Bertarelli». 

Piacevoli, trascinanti, ricchi di infinite sfumature esaltate da una magnifica interpretazione. I tre Concerti raccolti nel CD sono esempi luminosi della grandezza della musica di Haydn. E richiamano alla mente il giudizio di Mozart a proposito del suo maestro: «Nessuno quanto lui sa far ridere, piangere, divertire, commuovere».

[an error occurred while processing this directive]